Scuola istruttori nuoto in gravidanza e neonatale

Catalogo Corsi

Gardaland 1993

Delfini neonati

Il nostro Spot Sangemini

Spot Sangemini :: Università dell'acqua.

Psicologia e Gravidanza

E-mail Stampa
Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

 

CORSO DI ACQUAMOTRICISTA PRENATALE

Legnano, 13 Dicembre 2009

PSICOLOGIA E GRAVIDANZA
di Silvia Rocco


 

 

Fin dal momento del concepimento si verificano nella donna una serie di cambiamenti non solo esterni, ma soprattutto interni. 
È a questo riguardo che la gravidanza può essere considerata oltre che una " fase di sviluppo", anche un'esperienza di "crisi".

La crisi alla quale ci si riferisce riguarda la prima gravidanza, in quanto dopo avere dimostrato a sé e agli altri la capacità di dare alla luce un bambino, questa capacità viene inclusa nella struttura di personalità.

Lo stato di confusione che a volte si prova durante la gravidanza, la riattivazione di dinamiche e fantasie che sono appartenute a fasi precedenti del proprio sviluppo, una quota di "patologia fisiologica" sono tratti che accomunano, anche se con caratteristiche diverse, la gravidanza all'adolescenza.

Durante la pubertà l'adolescente si trova a confrontarsi con le proprie pulsioni, che a volte si presentano con una certa intensità e violenza, e a rielaborare i conflitti ad esse connessi, per integrare le nuove esigenze psichiche e biologiche alla struttura di personalità.

Questo processo trasformativo è accompagnato da una sorta di confusione relativa alla propria identità, che si deve riassestare e deve trovare un maggior senso di stabilità che determina l'impronta sulla quale l'individuo si baserà per affrontare le successive trasformazioni evolutive della vita.

Il corpo che muta e di conseguenza anche il proprio ruolo provoca spesso una marcata instabilità emotiva. 
È questo il periodo in cui l'emotività e l'inconscio prendono il sopravvento, dando luogo a una sorta di "malessere fisiologico" che precede l'acquisizione di un nuovo equilibrio.

È contemporaneamente una "fase evolutiva" e una "crisi mutativa" che impone una riorganizzazione delle esperienze precedenti.
Qualcosa di simile accade anche durante i primi mesi di gravidanza, quando la donna deve mettere in relazione le fantasie con la realtà del feto che cresce in lei (se prima era un desiderio, una fantasia di avere un figlio, ora è una realtà).

Divenire madre presuppone un adeguamento della propria identità nel passaggio dal ruolo di figlia a quello di genitore. 
Questo processo, che inizia con la gravidanza e prosegue con la maternità, necessita di un riassestamento di tutte le componenti psichiche che si sono sviluppate durante le esperienze precedenti e che hanno caratterizzato la storia della donna.

Per questo motivo la gravidanza viene definita da molti autori come un momento di crisi e confusione, in quanto la donna si trova a dover affrontare continui aggiustamenti che coinvolgono l'intera personalità, al fine di poter costruire un'immagine stabile di sé come madre, che prevede la capacità di strutturare uno spazio interno per il bambino e per la relazione con lui.

È un processo che richiede l'integrazione di una nuova immagine di sé, attraverso nuove identificazioni, in particolare con la propria madre. 
Divenire madre comporta innanzitutto un confronto emotivo con la propria madre, a volte ponendosi nei suoi confronti in competizione per arrivare a prenderne il posto.

La maternità sancisce la fine del ruolo esclusivo di figlia che diviene contemporaneamente genitore e figlia. 
Ciò può suscitare angosce di perdita, piuttosto che sentimenti di colpa connessi al desiderio di sostituirsi alla propria madre spodestandola. 
Non dimentichiamo che l'attitudine materna, che è rappresentata dalla capacità di dare e di rendersi disponibile verso l'altro, dipende anche dal rapporto che si è avuto nell'infanzia con la propria madre e dalla sua disponibilità nei propri confronti.

Durante i mesi di gestazione, soprattutto dal momento in cui si avvertono i primi movimenti fetali, è altrettanto importante l'identificazione con il feto e, successivamente con il neonato al fine di sviluppare la capacità di accogliere il bambino attraverso una progressiva ridistribuzione degli investimenti oggettuali e narcisistici.

Ciò comporta una trasformazione del desiderio narcisistico di essere amata che subisce una metamorfosi, cioè viene trasferito dal "proprio Io" al "figlio". 
Questo permette la distinzione tra il desiderio di maternità e il desiderio di gravidanza. 
In quest'ultimo, a differenza del primo, dove prevale l'investimento sul bambino, vediamo manifestarsi soprattutto il bisogno narcisistico di provare a sé stessa che il proprio corpo funziona come quello della madre.

Diversi sono i meccanismi a livello psichico che accompagnano la gravidanza ed uno di questi riguarda l'orientamento verso il mondo interiore. 
Nonostante la donna continui ad assolvere i compiti abituali, manca in lei una partecipazione intima per ciò che fa. In un certo senso le energie psichiche vengono ritirate dal mondo esterno in favore della salvaguardia di ciò che avviene dentro di sé.

Ne sono la conferma alcune verbalizzazioni: "ho notato più dolcezza e meno aggressività, ho scoperto che tutto sommato il lavoro che prima ritenevo importante, ora di fatto è passato in secondo piano". 
Da un punto di vista psicologico il secondo trimestre è quello in cui la donna inizia ad avere un'immagine mentale del bambino, questo grazie anche alla percezione dei movimenti fetali che diventano la conferma della presenza del bambino, e ai cambiamenti visibili del corpo che si trasforma.

È attraverso l'ascolto dei movimenti del proprio bambino e il dialogo che si instaura tra i due che si costruisce la relazione tra madre e feto. Al riguardo, ai movimenti viene assegnata una differente valenza affettiva: gioia, disagio, gioco o semplice attività motoria senza scopo.

È in questo periodo che a volte nelle donne affiora il senso di responsabilità delle eventuali ripercussioni sul feto dei propri stati d'animo e soprattutto dello stress.

Si sentono delle madri portatrici di sofferenza al bambino in quanto legate oltre che dal rapporto fisico, anche dalla relazione emotiva. 
In realtà, l'osservazione dei processi fisiologici e della capacità da parte del feto di innescare degli adeguati meccanismi di difesa in caso di bisogno, dimostra le potenzialità e le risorse della placenta e del feto di adattarsi nel migliore dei modi per affrontare i disequilibri accidentali che provengono dalla madre sia a livello fisico, sia psicologico ed emotivo durante la gravidanza.

Con l'inizio dell'ultimo trimestre, e in particolare dell'ultimo mese di gravidanza la donna si trova di fronte a nuove modificazioni fisiologiche: il feto aumenta di peso e di volume, le contrazioni fisiologiche si possono accentuare, il corpo si trova a doversi adattare a nuovi cambiamenti.

Gli interrogativi riguardano: "come sarà il parto?", "come sarà il bambino, che peso avrà?". 
Il timore per il dolore e la capacità o meno di sopportarlo e superarlo accompagnano quest'ultimo periodo.

Nella realtà il timore del dolore fisico e della propria capacità di poterlo affrontare, porta in sé anche il dolore emotivo per la separazione e il concludersi della relazione privilegiata che madre e feto hanno vissuto durante tutti i mesi della gravidanza. 
L'interrogativo che spesso si sente pronunciare dalle donne è "sarò capace di partorire?" che nasconde in sé un'altra domanda: "sarò capace di separarmi da questo bambino?"

 

Benefici psicologici dell’acquamotricità
Artefice dello sviluppo e nascita della vita intrauterina è la donna che, attraverso una costante mutazione fisiologica, si rende protagonista di un percorso straordinario, non privo di difficoltà al quale è necessario dedicare momenti di assoluto benessere fisico ma anche e soprattutto psichico al fine di arrivare più preparata al momento del travaglio e della fase espulsiva.

Esiste sicuramente una stretta correlazione tra benessere fisico e psichico essendo questi due aspetti profondamente collegati l’uno all’altro e in equilibrio tra loro nella vita di ogni essere umano.  
Questo aspetto si fa ancora più forte quando la donna si trova in gravidanza in quanto questa situazione implica una serie di mutamenti biologici rilevanti che non possono essere scissi da variazioni altrettanto importanti di natura psicologica.

L’acqua trova anche qui la sua giusta collocazione e risulta essere come sempre preziosa. 
Essa rappresenta, sia allegoricamente che realmente, l’oceano primordiale da cui ha origine la vita in quanto da protezione al germe, poi all’embrione e al feto.

L’acqua è calma, serenità e armonia e quindi è un utile elemento per favorire il rilassamento e la consapevolezza del proprio corpo assecondandone le necessità. 
L’immersione in acqua conferisce alle future mamme un benessere corporeo e mentale in quanto, immerse in questo liquido, si sentono leggere e armoniose ma anche forti e vitali.

Alcuni esercizi eseguiti durante i vari incontri di acquamotricità richiamano alla mente la perfetta quiete del feto nel liquido amniotico permettendo alla donna di immedesimarsi nelle condizioni del bambino che porta in grembo e facendola sentire più vicina al piccolo che deve nascere.  
Immerse in acqua le donne sono portate a rivivere la proprio esperienza di gestazione e di nascita e tale fenomeno può sviluppare in loro una maggiore attenzione alle necessità del proprio bambino.

L’acqua,  in continuo movimento come il liquido amniotico, culla il nascituro con un ritmo regolare e vi trasmette tutti i messaggi più soffusi dell’animo materno generando una maggiore sintonia tra madre e bambino che faciliterà l’instaurarsi del rapporto anche dopo la nascita. 
In acqua l’attenzione è maggiormente rivolta al corpo generando quindi una maggiore consapevolezza di quest’ultimo che sarà importante in previsione del parto.

A tale scopo, una delle finalità dei corsi di accompagnamento alla nascita in acqua è cercare di indicare e sperimentare alcuni strumenti che favoriscono la capacità propria di ogni donna di percepire il proprio corpo, di unire la mente al corpo in una costante introspezione che la porterà consapevolmente più preparata al lieto evento.
Altro aspetto positivo dei corsi di acquamotricità è il lavoro di gruppo importante per la possibilità di confronto tra donne nella stessa situazione ma anche perché permette l’esecuzione di alcuni esercizi in coppia, utili al miglioramento della fiducia e della collaborazione.

La donna in acqua si muove liberamente seguendo il proprio istinto, permette che il proprio corpo venga trascinato e mosso dolcemente dall’acqua senza ostacolarla anzi, la percepisce e l’asseconda.  
Tutto questo è ciò che meglio può essere paragonato al parto appunto: seguire il proprio istinto, avere fiducia in se stesse e nelle proprie capacità, lasciare fare al corpo e non ostacolarlo, ma percepirlo e assecondarlo.

L’approccio con l’acqua deve essere incentrato sulla sensazione, i movimenti in acqua saranno ampi, lenti e personalizzati e permetteranno la sincronia con il proprio respiro favorendo una situazione di rilassamento e minore rigidità.
In conclusione, un vantaggio da non sottovalutare è il fatto che l’attività fisica acquatica svolta in gravidanza riduce la percezione del dolore durante il travaglio grazie alla secrezione costante, per tutto il periodo della gestazione, di beta-endorfine, sostanze in grado di innalzare la soglia personale di tolleranza al dolore, evento che quindi non può che risultare benefico soprattutto dal punto di vista psicologico per la gestante.

Commenti (0)
Solo gli utenti registrati possono scrivere commenti!
 
Sei qui: Home TESINE Psicologia e Gravidanza

Sedi dei corsi


 

- PRENATALE                                     
LAZIO: Roma
LOMBARDIA:  Castano Primo - MI
VENETO: Terme di Montegrotto - PD

- NEONATALE
LAZIO:  Roma
LOMBARDIA: Milano,